Vai al contenuto

VisiData: il coltellino svizzero per i dati, che probabilmente non conosci

VisiData è un fantastico strumento open source per esplorare e manipolare dati. Mette insieme la chiarezza di un foglio di calcolo, con l'efficienza del terminale e la potenza di Python, in una utility leggera in grado di gestire milioni di righe con facilità.

La presentazione ufficiale fa un'ottima sintesi, ma non evidenzia la cosa che colpisce più: quella di Saul Pwanson (il creatore di VisiData) è prima di ogni altra cosa una grande idea. Lo si capisce usandolo e speriamo che emerga anche leggendo questa guida.

Per usarlo non è necessario essere uno sviluppatore; se si conosce un po' Python, sarà possibile usarlo in modo ancora più sorprendente.

Perché usarlo

  • È rapido, apre quasi istantaneamente file di diverse decine di megabyte;
  • è agile, rende semplice la ricerca, il filtraggio, l'ordinamento,il join e la ristrutturazione di dati tabellari;
  • consente di avere in pochi passaggi una visione di insieme dei dataset su cui si vuole lavorare;
  • apre molti dei formati tipici di testo strutturato (csv, tsv, xlsx , xls, json, xml, sqlite, shp, html, hdf5, xpt, sas7bdat, sav, dta)
  • si utilizza soltanto da tastiera, ed è possibile dimenticarsi del mouse;
  • è free ed open source.

Sorprende la sua rapidità e come offra in modo agile una visione di insieme dei dati. Questo, affiancato all'utilizzo da tastiera, lo rende un prodotto che dà una marcia in più a chi lo usa.

Leggi la guida

Torna su